Argomento RIFUGIATI

Sedute 430ª e 431ª (XVII legislatura)

Immagine della scheda
-) Seguito della discussione del disegno di legge: (1854) Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 febbraio 2015, n. 7, recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale, nonché proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle Organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione (Approvato dalla Camera dei deputati) -) Seguito della discussione del disegno di legge: (1791) Ratifica ed esecuzione degli Emendamenti alla Convenzione sulla protezione fisica dei materiali nucleari del 3 marzo 1980, adottati a Vienna l'8 luglio 2005, e norme di adeguamento dell'ordinamento interno (Approvato dalla Camera dei deputati) -) Discussione del disegno di legge: (1335) Ratifica ed esecuzione dell'Accordo di libero scambio tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Corea dall'altra, con Allegati, fatto a Bruxelles il 6 ottobre 2010 -) Discussione del disegno di legge: (1625) Ratifica ed esecuzione dell'Accordo fra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica argentina riguardante lo svolgimento di attività lavorativa da parte dei familiari conviventi del personale diplomatico, consolare e tecnico-amministrativo, fatto a Roma il 17 luglio 2003, con Scambio di lettere interpretativo, fatto a Roma il 25 giugno 2012 e il 3 settembre 2012 (Approvato dalla Camera dei deputati) -) Discussione del disegno di legge: (1598) Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Cile sull'autorizzazione all'esercizio di attività lavorative dei familiari a carico del personale diplomatico, consolare e tecnico-amministrativo delle missioni diplomatiche e rappresentanze consolari, fatto a Roma il 13 dicembre 2013 -) Discussione del disegno di legge: (1649) Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico, fatta alla Valletta il 16 gennaio 1992 (Approvato dalla Camera dei deputati) -) Seguito della discussione del disegno di legge: (1577) Riorganizzazione delle Amministrazioni pubbliche (Collegato alla manovra finanziaria)
AULA
Argomenti: , , , , , (di più)

Sedute 428ª e 429ª (XVII legislatura)

Immagine della scheda
-) Discussione del disegno di legge: (1854) Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 febbraio 2015, n. 7, recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale, nonché proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle Organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione (Approvato dalla Camera dei deputati)
AULA

Trasmissione dell'Associazione Non c'è Pace Senza Giustizia

Radio 10 aprile 2015 - 26' 19"
Trasmissione dell'Associazione Non c'è Pace Senza Giustizia Nel consueto appuntamento settimanale, dopo le principali notizie della settimana presentate da Aldo Marino, Nicola Giovannini intervista Gianluca Eramo, coordinatore del programma di NPSG su Democrazia in Medio Oriente e Nord Africa, che ci parlerà - in collegamento da Ginevra - della situazione in Libia. L'evento che si svolge oggi a Ginevra è organizzato da UPR info in vista del prossimo ciclo di Revisione Periodica Universale delle Nazioni Unite, che si terrà a maggio 2015 ed analizzerà vari Paesi (tra cui la Libia) dal punto di vista dei diritti umani. A seguire, Nicola Giovannini parlerà della Siria, in particolare dell'ultimo drammatico episodio di questo conflitto, ovvero l'assedio da parte delle milizie di Daesh del campo profughi palestinese di Yarmouk
RUBRICA - Evento organizzato da

Intervista ad Amer Al-Sabaileh sulla situazione in Giordania

Intervista ad Amer Al-Sabaileh sulla situazione in Giordania L'opinionista ed esperto di geopolitica medio-orientale spiega che, a seguito dell'intensificarsi dei combattimenti al confine, la Giordania ha deciso di chiudere il valico di Nasib, unico punto di passaggio che ancora la collegava con la Siria. Questa misura ha conseguenze di tipo politico ed economico. Altrettanto rilevanti le conseguenze della decisione della Giordania di supportare l'intervento dell'Arabia Saudita in Yemen. L'impatto sulla Giordania della massiccia presenza di rifugiati siriani in fuga dal conflitto. Intervista a cura di Di Daniela Sala
INTERVISTA
401 pagine
Syndicate content