Argomento PARTITOCRAZIA

"Storie di strade incompiute": il reportage di Maurizio Bolognetti

"Storie di strade incompiute": il reportage di Maurizio Bolognetti Girando per le campagne in agro di Corleto Perticara ogni tanto ci si imbatte in quelli che Rocco Magaldi definisce "presepi". Nella Basilicata delle opere progettate e mai realizzate, di quelle iniziate e mai completate, i viadotti della Saurina si materializzano come miraggi nel deserto davanti ai nostri occhi. Incuneati nei boschi, nascosti dagli alberi, protesi verso una meta mai raggiunta essi si ergono come moderne piramidi: un coito interrotto prodotto dall’onanismo partitocratico. Promesse spacciate in decine di campagne elettorali e mai mantenute. Sperpero di denaro pubblico e giochi di prestidigitazione degni del più abile illusionista. E come le piramidi, ne siamo certi, i viadotti della Saurina, di una strada che non c’è e che avrebbe dovuto mettere in collegamento la Valle del Sauro con la città di Potenza, dureranno nei millenni offrendo ricovero a balle di fieno e a qualche trattore. Il mio Caronte, nel traghettarmi negli angoli nascosti di una delle petrolizzate valli lucane, azzarda un ossimoro e dice: “Qua c’è una dittatura democratica”. Sorrido e penso: “caro amico non sai quanto sia vero. E’ il settantennio partitocratico che produce corruzione, nega diritto e diritti e ha fatto strame della stessa Costituzione repubblicana
SERVIZIO

Dragan aveva ragione

Immagine della scheda
presentazione del documentario di Gianni Carbotti e Camillo Maffia.. Il film, completamente autoprodotto, fornisce uno spaccato della realtà Rom nella Capitale, al centro in queste ore di cronache e dibattiti che fanno l'economia della doverosa applicazione della Strategia Nazionale d'Inclusione per Rom, Sinti e Caminanti ratificata dall'Europa nel marzo 2012: le due emergenze umanitarie, quella che si consuma negli istituti di pena e quella che affligge la minoranza più popolosa d'Europa, sono il frutto speculare di quel prevalere della ragion di Stato sullo Stato di diritto che i radicali instancabilmente denunciano in ogni sede

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

Conversazione settimanale con Rita Bernardini La proiezione - presso il carcere di Rebibbia, alla presenza di Marco Pannella e Rita Bernardini - del documentario "Dragan aveva ragione", dei militanti radicali Gianni Carbotti e Camillo Maffia sugli sgomberi e il degrado dei campi nomadi di Roma; I premi Nobel per la pace, riuniti da Nessuno Tocchi Caino, nella sede del Partito Radicale, con Marco Pannella ed Emma Bonino, domenica 15 dicembre; gli appelli all'iscrizione al Partito Radicale per la sopravvivenza delle battaglie radicali; il docufilm della Rai sul dottor Brega Massone a vicenda giudiziaria non ancora conclusa; il satyagra di Natale con Marco Pannella per la giustizia, la sanità in carcere, la revoca immediata del 41 bis a Bernardo Provenzano, l'introduzione nell'ordinamento italiano del reato di tortura, l'abolizione dell'ergastolo, la fine delle deportazioni dei detenuti dell'Alta sicurezza, la battaglia del diritto alla conoscenza, i risarcimenti ai detenuti che hanno subito trattamenti inumani e degradanti, l'abolizione del 41 bis, la nomina del Garante nazionale dei detenuti, la presenza dei detenuti agli Stati generali delle carceri previsti per il 2015
RUBRICA
620 pagine
Syndicate content