Argomento PARTITO RADICALE

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

Conversazione settimanale con Rita Bernardini Il ricordo di Sergio Stanzani nel primo anniversario della morte. La ricorrenza dell'uccisione di Antonio Russo. La richiesta di condanna per Guido Podestà avanzata dal Procuratore aggiunto della Repubblica di Milano Alfredo Robledo in relazione alla raccolta delle firme nelle elezioni regionali in Lombardia del 2010 e la battaglia Radicale per il rispetto della legalità nelle tornate elettorali. I prossimi appuntamenti dei Radicali: quello organizzato a Firenze, quello di Milano ed il XIII Congresso di Radicali Italiani (30 ottobre / 2 novembre 2014). Le iniziative radicali in corso. La censura mediatica sui temi che riguardano i diritti umani e l'amministrazione della giustizia: l'audizione di Rita Bernardini presso la Commissione Diritti Umani del Senato. L'illegalità della condizione detentiva in Italia e le richieste di risarcimento rivolte da molti detenuti alla CEDU. L'interrogazione presentata da Roberto Giachetti. La battaglia per uno Stato di Diritto democratico, federalista e laico sostenuta dal Partito Radicale. L'esposto dei Radicali alla Corte dei Conti
RUBRICA

Operazione Idigov. Come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite - Presentazione del libro di M. Perduca, introduzione di E. Bonino

Roma 15 ottobre 2014 - 1h 52' 1"
Immagine della scheda
Presentazione del libro di Marco Perduca con la prefazione di Emma Bonino (Edizioni Reality Book). Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è affiliato al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite dal 1995. Nella primavera del 2000, la Federazione russa di Vladimir Putin ne chiese l'espulsione per aver fatto parlare davanti alla Commissione diritti umani di Ginevra il parlamentare ceceno Akhyad Idigov. Attraverso la pubblicazione di documenti ufficiali, memorandum interni del Partito e ricordi personali di Marco Perduca, all'epoca rappresentante radicale all'Onu, Operazione Idigov ripercorre le iniziative istituzionali, politiche e parlamentari messe in atto tra Roma, Bruxelles e New York perché l'Onu rigettasse la richiesta russa. Pur non volendo essere un manuale di lobby questo libro rappresenta un documento unico nel suo genere poiché racconta come un'organizzazione non-governativa sia riuscita a mobilitare decine di paesi a sostegno non solo di se stessa ma anche di quello che negli anni aveva rappresentato all'Onu: un partito al servizio dei silenziati e degli oppressi di mezzo mondo. Operazione Idigov si chiude sollevando un interrogativo: cosa succederebbe oggi se un altro Stato membro delle Nazioni Unite attivasse nuovamente la procedura di sanzione nei confronti del Partito Radicale
3630 pagine
Syndicate content