Argomento ILVA

Intervista a Daniela Spera, portavoce del "Movimento Stop Tempa Rossa"

Intervista a Daniela Spera, portavoce del "Movimento Stop Tempa Rossa" Il giacimento petrolifero denominato "Tempa Rossa" (Concessione di coltivazione Gorgoglione), la cui titolarità è in capo alla Total, è ubicato in Basilicata nell'alta valle del Sauro. Il progetto si estende principalmente sul territorio del Comune di Corleto Perticara (PZ) dove, in un'area soggetta a una sorta di quarantena, si sta lavorando alacremente alla costruzione del terzo centro oli della Basilicata, che dovrà lavorare i 50mila barili di greggio che, in base alle stime, verranno estratti quotidianamente dagli 8 pozzi della concessione Gorgoglione. Il greggio, una volta pretrattato presso il centro oli, verrà inviato a Taranto attraverso l'oleodotto "Monte Alpi". E proprio nella martoriata e avvelenata città di Taranto troviamo l’altra faccia del progetto "Tempa Rossa" che sta incontrando una fortissima opposizione da parte del "Movimento Stop Tempa Rossa". L'Eni, infatti, ha previsto la costruzione di due serbatoi da 180.000 mc presso le proprie raffinerie, destinati ad accogliere l’incremento di greggio proveniente dalla Lucania. Nello studio di impatto ambientale del progetto "Tempa Rossa", la stessa Eni sottolinea che esso comporterà un incremento delle emissioni diffuse e fuggitive fino al 12% e una produzione di composti organici volatili pari a 26mila kg annui. Come sottolineato dal "Movimento Stop Tempa Rossa", il progetto "prevede un aumento del traffico di petroliere in Mar Grande" con un notevole incremento dei rischi "di sversamento per cause accidentali e operazionali"
INTERVISTA

Il progetto "Tempa Rossa": intervista a Vincenzo Carriero

RADIO 27 giugno 2014 - 11' 45"
Il progetto "Tempa Rossa": intervista a Vincenzo Carriero Tempa Rossa è un giacimento petrolifero situato nell'alta valle del Sauro, nel cuore della regione Basilicata. L'incremento delle attività estrattive in Lucania avrà una ricaduta in termini di impatto ambientale anche sulla martoriata e avvelenata città di Taranto. Gli ulteriori 50mila barili di greggio che la Total estrarrà nella Valle del Sauro arriveranno, infatti, presso le raffinerie Eni della "Città dei due mari", attraverso l'oleodotto "Monte Alpi"
INTERVISTA
48 pagine
Syndicate content