Argomento GIORNALISMO

Intervista ad Antonio Grasso sul suo libro dal titolo "Grasso che cola"

Intervista ad Antonio Grasso sul suo libro dal titolo "Grasso che cola" Antonio Grasso, giornalista pubblicista e redattore della testata on-line "Sassiland", è autore del libro "Grasso che cola. Ci sarebbe da piangere. Ma prendiamola a ridere". Il filmaker Salvatore Verde, autore della prefazione al volume, definisce la prima opera letteraria di Grasso "un libro inusuale nel panorama editoriale lucano, schegge filosofiche per le menti libere"
INTERVISTA

L'omicidio del piccolo Loris a Santa Croce Camerina (Ragusa)

L'omicidio del piccolo Loris a Santa Croce Camerina (Ragusa) Incongruenze della madre arrestata o incongruenze delle indagini? Il ruolo dei media, del procuratore capo di Ragusa Petralia, la sovraesposizione mediatica, la protesta delle camere penali di Milano per l'interrogatorio della madre tenuto senza il proprio legale. Autopsia evoluzionista o creazionista?
SERVIZIO

Assemblea di Articolo21

Roma 13 dicembre 2014 - 6h 27' 6"
Immagine della scheda
Nel corso dell'assmblea verranno consegnati i Premi Paolo Giuntella per la libertà d'informazione, in collaborazione con Fnsi, Inpgi, Casagit, Usigrai e Ordine dei Giornalisti
ASSEMBLEA - Evento organizzato da

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

Conversazione settimanale con Rita Bernardini La proiezione - presso il carcere di Rebibbia, alla presenza di Marco Pannella e Rita Bernardini - del documentario "Dragan aveva ragione", dei militanti radicali Gianni Carbotti e Camillo Maffia sugli sgomberi e il degrado dei campi nomadi di Roma; I premi Nobel per la pace, riuniti da Nessuno Tocchi Caino, nella sede del Partito Radicale, con Marco Pannella ed Emma Bonino, domenica 15 dicembre; gli appelli all'iscrizione al Partito Radicale per la sopravvivenza delle battaglie radicali; il docufilm della Rai sul dottor Brega Massone a vicenda giudiziaria non ancora conclusa; il satyagra di Natale con Marco Pannella per la giustizia, la sanità in carcere, la revoca immediata del 41 bis a Bernardo Provenzano, l'introduzione nell'ordinamento italiano del reato di tortura, l'abolizione dell'ergastolo, la fine delle deportazioni dei detenuti dell'Alta sicurezza, la battaglia del diritto alla conoscenza, i risarcimenti ai detenuti che hanno subito trattamenti inumani e degradanti, l'abolizione del 41 bis, la nomina del Garante nazionale dei detenuti, la presenza dei detenuti agli Stati generali delle carceri previsti per il 2015
RUBRICA
174 pagine
Syndicate content