Argomento EUROPA

Visita ufficiale al Parlamento europeo di papa Francesco

Immagine della scheda
Durante la sua prima visita al Parlamento europeo, 26 anni dopo la visita di Giovanni Paolo II, nel 1988.
MANIFESTAZIONE UFFICIALE

Passaggio a Sud Est - La realtà politica dell'Europa sud orientale

Passaggio a Sud Est - La realtà politica dell'Europa sud orientale A cura di Roberto Spagnoli con la collaborazione di Marina Sikora e Artur Nura. Sommario della puntata. Romania: contro tutti i pronostici il liberale Klaus Iohannis è il nuovo presidente; analisi e commenti. Serbia: continua a far discutere il ritorno in libertà di Vojislav Seselj; le dure reazioni in Croazia alle dichiarazioni del leader ultranazionalista sotto processo al Tribunale interanzionale. Kosovo: trovato l'accordo per la formazione di una maggioranza di governo a oltre cinque mesi dalle elezioni anticipate. Albania: la maggioranza di centro-sinistra approva la legge finanziaria mentre continua la dura contrapposizione con l'opposizione. Bosnia: la realtà attuale di un Paese in balia della corruzione e senza senza speranza di futuro raccontata nel romanzo da Luca Leone "I bastardi di Sarajevo"
RUBRICA

Ebola, povertà, immigrazione. Intervista al professor Aldo Morrone

Ebola, povertà, immigrazione. Intervista al professor Aldo Morrone "L'emergenza Ebola dimostra la mancanza di interesse per le povertà, così come manca la volontà di governare il fenomeno delle migrazioni". Lo dice il professo Aldo Morrone, primario di Medicina tropicale all'ospedale "San Gallicano" di Roma, consulente dell'OMS e del ministero della Salute, uno dei massimi esperti mondiali di medicina delle migrazioni. La diffusione di Ebola è conseguenza delle condizioni di vita nei Paesi poveri dell'Africa ma non è un rischio per l'Italia e l'Europa. I migranti non portano malattie. Le rivolte di questi giorni nelle periferie sono il frutto del mancato governo del fenomeno migratorio. Fronteggiare questi problemi, rispondendo in maniera efficace alle naturali paure della gente, è possibile ma servono volontà politica, un'informazione corretta e la coscienza che investire nella salute del sud del mondo significa investire nella salute di tutti
INTERVISTA
3317 pagine
Syndicate content