Argomento EUROPA

Speciale Commissioni

RADIO 28 marzo 2015 - 29' 31"
Speciale Commissioni Questa settimana, tra le audizioni svolte dalle commissioni parlamentari, vi proponiamo quella del capo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno, il prefetto Mario Morcone, davanti al Comitato parlamentare di controllo sull'attuazione dell'accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol, di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, nell'ambito di un'indagine conoscitiva che il Comitato sta svolgendo sui flussi migratori in Europa attraverso l'Italia, nella prospettiva della riforma del sistema europeo d'asilo e della revisione dei modelli di accoglienza. Ascolterete la relazione introduttiva del prefetto Morcone, che aggiorna il Comitato sul numero degli arrivi nel 2014 e nei primi mesi del 2015, sulla distribuzione degli immigrati nei vari centri, sullo stato dell'accoglienza in particolare dei minori, e infine sulla possibilità, allo studio del Viminale, di organizzare campi di raccolta profughi direttamente in Africa, per ora sotto il Sahara come nel caso del Niger, ma in seguito probabilmente anche in Egitto e Tunisia.
RUBRICA

Speciale Commissioni

RADIO 27 marzo 2015 - 27' 6"
Speciale Commissioni Consueto appuntamento con il notiziario sull'attività delle commissioni parlamentari. Tra i temi di questa settimana: l'approvazione da parte dell'aula della Camera del provvedimento di modifica della disciplina della prescrizione del reato; l'introduzione del reato di tortura e il decreto antiterrorismo, all'esame dell'aula della Camera (con intervista al deputato Stefano Quintarelli, di Scelta Civica); l'approvazione da parte dell'aula del Senato del decreto recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti, tra cui la riforma delle banche popolari; il testo in materia di corruzione, voto di scambio, falso in bilancio e riciclaggio in discussione all'assemblea del Senato; il disegno di legge sulla riorganizzazione della pubblica amministrazione, all'esame della Commissione Affari costituzionali del Senato; i disegni di legge su unioni civili e omicidio stradale, all'esame della Commissione Giustizia del Senato; la riforma del sistema dei confidi, licenziata per l'aula del Senato dalla Commissione Finanze; la delega al Governo per l'attuazione delle direttive europee su concessioni e appalti, all'esame della Commissione Lavori pubblici del Senato.
RUBRICA

Presentazione del secondo volume del "Dizionario del liberalismo italiano" (Rubbettino Editore)

RADIO 24 marzo 2015 - 1h 11' 58"
Presentazione del secondo volume del "Dizionario del liberalismo italiano" (Rubbettino Editore) Partecipano in studio: Fabio Grassi Orsini, Gerardo Nicolosi e Eugenio Di Rienzo. Intervengono in collegamento telefonico: Giuseppe Bedeschi, Valter Vecellio, Roberto Pertici e Andrea Ungari. Conduce: Giuseppe Di Leo. Il secondo volume del Dizionario del liberalismo italiano presenta una selezione di biografie di 360 personalità che hanno fatto parte del “mondo liberale” dagli inizi dell’Ottocento a tutto il ventesimo secolo e cioè dagli anni di preparazione del Risorgimento alla fine della Repubblica. Si tratta di un corpus che riguarda primi ministri, statisti, leader politici dell’età liberale, personalità che hanno avuto un ruolo nell’antifascismo, nella Resistenza e nella fondazione del sistema repubblicano. Accanto a loro economisti, filosofi, poeti, scrittori, storici, diplomatici, funzionari dello stato, uomini di cinema, artisti, musicisti ecc. Le voci sono state redatte da storici, filosofi, economisti, giuristi, musicologi, studiosi appartenenti a diverse scuole di pensiero ed orientamenti culturali, che hanno lavorato in piena autonomia e che hanno in comune l’interesse e la competenza sul tema assegnato. Dalla lettura del Dizionario esce un quadro interessante di una classe politica e di un ceto dirigente, ricostruito senza intenti agiografici, nè liquidatori, ma realistici e oggettivi, nella convinzione che per dare un giudizio nei loro confronti occorre lasciare liberi i lettori di fare una comparazione con le classi politiche precedenti e con quelle successive
DIBATTITO
3432 pagine
Syndicate content