Argomento CORTE PENALE INTERNAZIONALE

Non C'è Pace Senza Giustizia

Non C'è Pace Senza Giustizia Nel consueto appuntamento settimanale dopo le principali notizie della settimana presentate da Paola Bonomo, Alessandro Manno intervista Niccolò Figà Talamanca, Segretario di Non C'è Pace Senza Giustizia. Dopo una panoramica sulle missioni in corso e su quelle a venire, Niccolò Figà Talamanca si soffermerà in particolare sugli eventi paralleli organizzati da "Non C'è Pace Senza Giustizia" a margine del Consiglio dei Diritti Umani a Ginevra, che si terranno la prossima settimana, sottolineandone l'importanza a livello politico.
RUBRICA

Viaggio nelle carceri - Presentazione del libro di Antonino Castorina e Davide Cara (Ed. EIR)

Immagine della scheda
Presentazione del libro di Antonino Castorina e Davide Cara (Edizioni EIR) nell'ambito della Festa provinciale de l'Unità di Cariati, in programma dal 3 al 6 settembre 2014
DIBATTITO - Evento organizzato da

Marco Pannella al nuovo carcere di Arghillà a Reggio Calabria: intervista di Mario Meliladò a Pannella

Immagine della scheda
Il leader radicale Marco Pannella ha visitato il carcere di Arghillà, a Reggio Calabria, dove ha incontrato i detenuti insieme a Rita Bernardini e ad una delegazione composta dal deputato del PD, Brunello Censore, dall'avvocato Giampaolo Catanzariti, e da Antonio Castorina, responsabile Legalità dei Giovani del Partito Democratico. Argomenti dell'intervista: l'iniziativa nonviolenta su Giustizia e Carcere, Diritti Umani e Stato di Diritto del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito; le storiche battaglie del Partito Radicale su Divorzio e Aborto; Religione, religiosità, cattolicesimo e nonviolenza radicale: le convergenze con Giovanni XXIII, Giovanni Paolo II e Papa Francesco; Matteo Renzi come risultato e rappresentazione di sessant'anni di anti-democrazia; il posizionamento del PRNTT rispetto alle Elezioni Regionali in Calabria; il risultato della Lista Amnistia, Giustizia e Liberta alle elezioni nel Comune di Platì; la professionalizzazione del momento militare in Italia; l'iniziativa sulla smilitarizzazione della Guardia di Finanza; la condanna dell'Italia da parte della CEDU sul rispetto dei diritti umani; l'invito rivolto da Papa Francesco a Marco Pannella: "sii coraggioso!"; la definizione di Pannella data da Gianni Baget Bozzo; i valori delle religiosità comuni alle tre Religioni Monoteiste e la posizione dei Radicali contro i teismi; le due ultime battaglie radicali: quella perché l'ONU si impegni a facilitare un linguaggio comune: l'esperanto; quella per il diritto - dovere alla conoscenza, che prevede l'organizzazione di un secondo Convegno a Bruxelles
INTERVISTA

Operazione Idigov. Come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite - Presentazione del libro di M. Perduca (Ed. Reality Book)

Operazione Idigov. Come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite - Presentazione del libro di M. Perduca (Ed. Reality Book) Presentazione del libro di Marco Perduca con la prefazione di Emma Bonino (Edizioni Reality Book). Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è affiliato al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite dal 1995. Nella primavera del 2000, la Federazione russa di Vladimir Putin ne chiese l'espulsione per aver fatto parlare davanti alla Commissione diritti umani di Ginevra il parlamentare ceceno Akhyad Idigov. Attraverso la pubblicazione di documenti ufficiali, memorandum interni del Partito e ricordi personali di Marco Perduca, all'epoca rappresentante radicale all'Onu, Operazione Idigov ripercorre le iniziative istituzionali, politiche e parlamentari messe in atto tra Roma, Bruxelles e New York perché l'Onu rigettasse la richiesta russa. Pur non volendo essere un manuale di lobby questo libro rappresenta un documento unico nel suo genere poiché racconta come un'organizzazione non-governativa sia riuscita a mobilitare decine di paesi a sostegno non solo di se stessa ma anche di quello che negli anni aveva rappresentato all'Onu: un partito al servizio dei silenziati e degli oppressi di mezzo mondo. Operazione Idigov si chiude sollevando un interrogativo: cosa succederebbe oggi se un altro Stato membro delle Nazioni Unite attivasse nuovamente la procedura di sanzione nei confronti del Partito Radicale
90 pagine
Syndicate content