Argomento CLERICALISMO

Presentazione del secondo volume del "Dizionario del liberalismo italiano" (Rubbettino Editore)

RADIO 24 marzo 2015 - 1h 11' 58"
Presentazione del secondo volume del "Dizionario del liberalismo italiano" (Rubbettino Editore) Partecipano in studio: Fabio Grassi Orsini, Gerardo Nicolosi e Eugenio Di Rienzo. Intervengono in collegamento telefonico: Giuseppe Bedeschi, Valter Vecellio, Roberto Pertici e Andrea Ungari. Conduce: Giuseppe Di Leo. Il secondo volume del Dizionario del liberalismo italiano presenta una selezione di biografie di 360 personalità che hanno fatto parte del “mondo liberale” dagli inizi dell’Ottocento a tutto il ventesimo secolo e cioè dagli anni di preparazione del Risorgimento alla fine della Repubblica. Si tratta di un corpus che riguarda primi ministri, statisti, leader politici dell’età liberale, personalità che hanno avuto un ruolo nell’antifascismo, nella Resistenza e nella fondazione del sistema repubblicano. Accanto a loro economisti, filosofi, poeti, scrittori, storici, diplomatici, funzionari dello stato, uomini di cinema, artisti, musicisti ecc. Le voci sono state redatte da storici, filosofi, economisti, giuristi, musicologi, studiosi appartenenti a diverse scuole di pensiero ed orientamenti culturali, che hanno lavorato in piena autonomia e che hanno in comune l’interesse e la competenza sul tema assegnato. Dalla lettura del Dizionario esce un quadro interessante di una classe politica e di un ceto dirigente, ricostruito senza intenti agiografici, nè liquidatori, ma realistici e oggettivi, nella convinzione che per dare un giudizio nei loro confronti occorre lasciare liberi i lettori di fare una comparazione con le classi politiche precedenti e con quelle successive
DIBATTITO

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RADIO 18 gennaio 2015 - 1h 57' 21"
Immagine della scheda
RUBRICA
Argomenti: , , , , , (di più)

Dragan aveva ragione

Immagine della scheda
presentazione del documentario di Gianni Carbotti e Camillo Maffia.. Il film, completamente autoprodotto, fornisce uno spaccato della realtà Rom nella Capitale, al centro in queste ore di cronache e dibattiti che fanno l'economia della doverosa applicazione della Strategia Nazionale d'Inclusione per Rom, Sinti e Caminanti ratificata dall'Europa nel marzo 2012: le due emergenze umanitarie, quella che si consuma negli istituti di pena e quella che affligge la minoranza più popolosa d'Europa, sono il frutto speculare di quel prevalere della ragion di Stato sullo Stato di diritto che i radicali instancabilmente denunciano in ogni sede
122 pagine
Syndicate content