Argomento BOLOGNETTI

Gli effetti collaterali delle attività estrattive in Basilicata - Le acque anomale di Montemurro

Immagine della scheda
Presso l’hotel Kiris sono stati illustrati i risultati scientifici definitivi dello studio realizzato dalla Prof. Albina Colella sulle acque anomale di contrada La Rossa in Agro di Montemurro (PZ). L’accurato studio prodotto dalla docente dell’Unibas ha dimostrato che le acque in oggetto sono di origine antropica e con caratteristiche affini alle acque di scarto petrolifero. A poche centinaia di metri da contrada La Rossa è presente un pozzo di reiniezione denominato Costo Molina 2. Come denunciato ripetutamente da Maurizio Bolognetti (Segretario di Radicali Lucani), nel 2010 l’Agenzia Regionale per la Tutela Ambientale (Arpab) ha riscontrato una contaminazione da idrocarburi nell’area attraversata dalla condotta di reiniezione del sopra citato pozzo. Alla conferenza stampa ha preso parte anche l’avvocato Giovanna Bellizzi in rappresentanza di Mediterraneo No-Triv
CONFERENZA STAMPA

RadicalNonviolentNews - la newsletter settimanale del Partito Radicale

RadicalNonviolentNews - la newsletter settimanale del Partito Radicale A cura di Matteo Angioli (20ª puntata) Nota: Diciasettesima puntata della nuova rubrica a cura di Matteo Angioli (in onda il giovedì dalle 7.30 alle 7.35) che racconta in pillole il contenuto della pubblicazione settimanale del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito "RadicalNonviolentNews" nata nel gennaio 2014 per informare sui fatti di interesse e sulle attività e le iniziative del Partito Radicale e della Galassia Radicale
RUBRICA

Bolognetti: caro Assessore Berlinguer, benarrivato nel mondo reale e mi raccomando resti con noi comuni mortali e "allarmisti" incalliti

Bolognetti: caro Assessore Berlinguer, benarrivato nel mondo reale e mi raccomando resti con noi comuni mortali e "allarmisti" incalliti Fonte Basilicatanet, 10 settembre 2014 Di Maurizio Bolognetti, Segretario Radicali Lucani e Direzione nazionale di Radicali Italiani. Finalmente la Regione Basilicata, attraverso l’assessore all’ambiente Berlinguer, sembra aver preso atto che presso il Centro Oli dell’Eni c’è qualcosa che non va. Nell’esprimere il mio plauso all’assessore, auspico che questa volta si vada davvero fino in fondo e senza fare sconti. Sarebbe una grande delusione il dover constatare che alle fiamme, al fuoco e al fumo dell’Eni faccia da pendant il fumo senza arrosto delle Istituzioni e di organi di controllo già troppo a lungo latitanti nella Valle dell’Agip. Caro Assessore, benarrivato nel mondo reale e mi raccomando resti con noi comuni mortali e "allarmisti" incalliti, che da molto tempo diciamo: "Houston, abbiamo un problema al Centro Oli". Centro Oli che, gioverà ricordarlo, in base alle Direttive Seveso è uno stabilimento a rischio incidente rilevante. Prima o poi, si spera più prima che poi, occorrerà interrogarsi sul Piano di Emergenza Esterno e sulla totale assenza di uno straccio di esercitazione tesa a coinvolgere la cittadinanza
SERVIZIO

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RADIO 24 agosto 2014 - 2h 3' 36"
Immagine della scheda
RUBRICA
Argomenti: , , , , , (di più)

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RADIO 3 agosto 2014 - 2h 13' 32"
Immagine della scheda
RUBRICA
Argomenti: , , , , , (di più)
22 pagine
Syndicate content