Argomento BASILICATA

Ambiente: intervista a Maurizio Bolognetti sul suo sciopero della fame

Ambiente: intervista a Maurizio Bolognetti sul suo sciopero della fame Maurizio Bolognetti è in sciopero della fame dall'11 febbraio scorso: chiede la conoscibilità dei dati relativi allo smaltimento dei rifiuti, con particolare attenzione a quelli prodotti dalle estrazioni petrolifere e denuncia il mancato rispetto del codice dell'Ambiente, che impone la tenuta di un catasto dei rifuti. Bolognetti denuncia anche l'inosservanza delle direttive Ue che prevedono l'accesso per i cittadini all'informazione ambientale. Questi dati relativi all'inquinamento ambientale sono tanto più importanti ora che il cosiddetto Decreto sblocca-Italia prevede un aumento esponenziale delle attività di estrazione in Regioni come la Basilicata
INTERVISTA

Conversazione settimanale con Marco Pannella

Radio 22 febbraio 2015 - 1h 55' 0"
Immagine della scheda
RUBRICA
Argomenti: , , , , , (di più)

Dal dissesto ideologico al dissesto idrogeologico. Intervista al prof. Franco Ortolani

Dal dissesto ideologico al dissesto idrogeologico. Intervista al prof. Franco Ortolani Franco Ortolani, già ordinario di geologia presso l’Università Federico II di Napoli, torna a lanciare il suo monito, avvertendo che la reiniezione delle acque di produzione petrolifera nel sottosuolo della Val D’Agri potrebbe favorire l’innesco di terremoti. Per il geologo partenopeo questo tipo di attività effettuate in un’area ad alto rischio sismico rappresentano un autentico azzardo. Nel corso della conversazione, il prof. ortolani si è anche soffermato su uno scellerato progetto, che potrebbe portare alla costruzione di un impianto per il trattamento di ingenti quantitativi di rifiuti a ridosso della diga di Montecotugno in agro di Senise (PZ)
INTERVISTA

Trentasei milioni di chili di reflui tossici sversati nel fiume Noce: intervista a Pino Perciante, corrispondente de La Gazzetta del Mezzogiorno nel lagonegrese Redattore Maurizio Bolognetti

Trentasei milioni di chili di reflui tossici sversati nel fiume Noce: intervista a Pino Perciante, corrispondente de La Gazzetta del Mezzogiorno nel lagonegrese Redattore Maurizio Bolognetti Presso il Tribunale di Paola (CS), si è aperto il dibattimento sulla vicenda dell'inquinamento del fiume Noce. In sede di udienza preliminare - come riferito dal corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno Pino Perciante - è stata depositata una perizia commissionata dal Comitato per la tutela del fiume. Nel documento, curato dall’ing. Raffaele Magnanimi, si legge che "nel torrente Pizzino, affluente del Noce, sarebbero state sversate circa 36mila tonnellate di reflui tossici". Reflui, che secondo l'ipotesi formulata dalla Procura di Paola, erano destinati al depuratore di San Sago, ubicato in agro di Tortora (CS)
INTERVISTA
177 pagine
Syndicate content